mxns_microplastiche_sitoweb_landingpage

 

Le microplastiche sono piccoli frammenti di plastica che possono finire in mare causando danni nell'ambiente, ed è l’essere umano il principale responsabile.
Da diverso tempo, le nuove generazioni chiedono un comportamento più sostenibile, che non riguardi solo la vita privata di ogni singolo cittadino ma che coinvolga anche le aziende. La sostenibilità è un'azione volta a bilanciare la crescita economica, la tutela dell'ambiente e la responsabilità sociale.

Ogni anno, una parte significativa dei rifiuti plastici che si frammentano in microplastiche viene rilasciata nell'ambiente e va ad aggiungersi a quelle prodotte direttamente dall'uomo. Le fonti di inquinamento da microplastica sono tessili, pneumatici, rifiuti in generale, prodotti contenenti microplastica e le attrezzature/prodotti utilizzati nella pesca, in agricoltura e nell'industria. Inoltre, le microplastiche sono molto resistenti alla (bio)degradazione e persistono per molto tempo nell’ambiente

L'inquinamento da microplastica in mare ha subito destato l'attenzione pubblica, e la pubblicazione di recenti rapporti circa l'ubiquità delle microplastiche in aria, suolo, sedimenti, acque dolci, piante, animali, finanche in prodotti alimentari, ha notevolmente aumentato la presa di coscenza del problema. (Environmental and Health Risks of Microplastic Pollution, Scientific Opinion - European Commission).

PROPOSTA DI DEFINIZIONE NORMATIVA DI UNA MICROPLASTICA SECONDO REGOLAMENTO REACH
Per microplastica si intende un materiale costituito da particelle solide contenenti polimeri, alle quali possono essere stati aggiunti additivi o altre sostanze e dove ≥ 1% p/p di particelle hanno (i) tutte le dimensioni 1nm ≤ x ≤ 5mm, o (ii), per le fibre, una lunghezza di 3nm ≤ x ≤ 15mm e un rapporto lunghezza/diametro >3.
Sono esclusi i polimeri presenti in natura che non sono stati modificati chimicamente (tranne che per idrolisi), così come i polimeri che sono (bio)degradabili.
In breve, il termine microplastica si riferisce alla totalità dei suddetti materiali di dimensioni inferiori ai 5 millimetri, includendo diverse categorie:

  • Macroplastiche ► rifiuti in plastica di dimensioni superiori a 5 mm
  • Microplastiche ► particelle di plastica di dimensioni comprese tra 0,1 μm e 5 mm
  • Nanoplastiche ► particelle di plastica di dimensioni comprese tra 1 e 100 nanometri (nm) (0.001 μm - 0.1 μm)

vengono prese in considerazione tutte le forme possibili di particelle di plastica, vale a dire frammenti, fibre/filamenti, perle/sfere, fogli di pellicola e pellet.

OUR CAPABILITIES
Ad oggi non esistono metodi generalmente riconosciuti e testati, in quanto la grande varietà di materie plastiche esistenti e la complessità della matrici da testare rende intrinsecamente difficile sia l’analisi qualitativa che quantitativa delle microplastiche. Grazie alla pluriennale esperienza di ECSIN in materia, è stato possibile sviluppare e validare metodi specifici applicabili a varie matrici, tra cui detergenti, cosmetici, acqua potabile, latte, bevande, sali minerali, prodotti ittici e matrici ambientali (es. acque di scarico, terreni, fanghi).

 

Ti servono maggiori informazioni?

Contattaci!

Latest News
5 Agosto 2020
News
Il Disegno di Legge S. 283 del 08/03/2020, “Nuove norme in materia di reati agroalimentari” mira a individuare e punire condotte di produzione e commercializzazione di prodotti alimentari potenzialmen...
29 Luglio 2020
News
Gli allergeni non dichiarati sono una delle principali cause di richiamo alimentare in Europa e Stati Uniti soprattutto, con pesanti conseguenze non solo sulla salute dei consumatori ma anche sulle in...
5 Agosto 2020
News
Il Disegno di Legge S. 283 del 08/03/2020, “Nuove norme in materia di reati agroalimentari” mira a individuare e punire condotte di produzione e commercializzazione di prodotti alimentari potenzialmen...
29 Luglio 2020
News
Gli allergeni non dichiarati sono una delle principali cause di richiamo alimentare in Europa e Stati Uniti soprattutto, con pesanti conseguenze non solo sulla salute dei consumatori ma anche sulle in...